4050 parte 1… finalmente si parte!

Lo avevamo promesso a gennaio e abbiamo mantenuto la parola: il 2017 sarebbe stato per noi un anno particolare con pochi appuntamenti, dati i sempre crescenti impegni personali che non ci lasciano nemmeno un attimo per accendere le moto figuriamoci guidarle, ma ognuno speciale data la celebrazione dei 50 anni dell’anziano e dei 40 miei.

Intanto il video (lo trovate anche sul nostro canale YouTube in HD) come aperitivo.

Ora sono d’obbligo alcune premesse:

  1. Questo é stato anche il primo giro insieme della stagione. Tra la Rocket che faceva le bizze, la Multi e la Turismo da portare al primo tagliando e la BMW sparsa per il garage del Maroz proprio non siamo riuasciti ad incontrarci se non l’anziano ed io per un giro sul Muraglione (si lo so che ho sempre criticato questo passo ma adesso sopra c’é un ottimo bar che fa panini spettacolari quindi c’é un motivo per arrivarci).
  2. Tutti abbiamo cambiato mezzo come potete leggere qui e questo é stato il vero test per capire anche il feeling coi mezzi (si mormora di una prossima recensione della Turismo e della nuova Multi prossimamente su queste pagine per darci un po’di tono).

    Fatte quindi le dovute presentazioni si può passare allo svolgimento del tema. Il punto d’incontro é il distributore COOP di Ferrara alle 9.00 in punto del 22 aprile. La mattinata si presenta fresca, la Turismo parte da casa segnando un bel 9 gradi quindi le premesse non sono le migliori, ma poi pian piano il sole esce e la temperatura cresce mentre prendiamo confidenza con i mezzi, carichi come somari, ed é già tempo della prima sosta merenda!

    L’anziano ha fatto gli adesivi! Questo giro si parte griffati!

    Rifocillati a dovere iniziamo ad inerpicarci verso Monterenzio lungo la Valle dell’Idice e di qui Monghidoro, Pian del Voglio e Lago di Suviana per mangiare a La Spiaggetta. Con la pancia piena (costante dei nostri viaggi) si parte verso Livorno mettendo come variante Bagni di Lucca  per rendere la strada meno noiosa ed un po’più suggestiva. 

    Alle 19 siamo presso il porto di Livorno all’imbarco con un vento freddo che ci lascia ancora un po’dubbiosi sui giorni a venire, il fatto che poi la Sardinia ci lasci in attesa sulla banchina lasciando sfilare prima tutte le macchine ed i camion non migliora il nostro umore, ma per fortuna arriva il momento del nostro imbarco e di una doccia calda in cabina, poi cena e letto che domani ci aspetta una giornata lunga. NdR: il Maroz sostiene che ci fosse mare mosso quella notte e sia stato male per quello. Noi, non avendo sentito nulla, diamo ancora la colpa alla birra Pietra che ha bevuto ed al fatto che invecchiando il nostro fisico non regga più tanto l’alcool, però magari ci sbagliamo e la stanchezza della giornata non ci ha fatto sentire le onde, mah!

    Il mattino del 23 ci svegliamo di soprassalto e realizziamo subito che la Sardinia non é come la Moby, dove c’é la voce da nazista che recita in 4 lingue di alzarsi immediatamente e fare colazione, ma lasciano tutto al tuo buon cuore sperando che ti svegli per tempo. Ci si veste al volo e si scende nei garage dove si aspetta che ci aprano i portell. La temperatura é meglio di quanto credessimo e dopo una buona colazione a Golfo Aranci si parte in direzione Cala Brandinchi, dove ci concediamo un po’di relax in spiaggia fino alle 11.

    I marines si preparano allo sbarco

    Cala Brandinchi

    Per i grandi classici abbiamo: Ironman

    e Super Pippo

    Rinfrancati dalle due ore di spiaggia ci dirigiamo verso la Costa Smeralda e Porto Cervo e, contrariamente a quanto avremmo scommesso, troviamo un posticino dove pranzare a poco: Frades

    L’anziano sempre più Ironman

    Culurgiones

    Una volta imbottiti di culurgiones e prosciutto e formaggi locali ci possiamo dirigere verso l’hotel passando per l’interno dell’isola. Sfilano sotto le nostre ruote Pausania, il Lago del Coghinas, Ozieri, Macomer e Bosa. Da quest’ultima parte la meravigliosa strada costiera SP49 che porta ad Alghero dove ci aspetta il Relais Sa Cheya con le sue fantastiche camere, la piscina ed il ristorante con specialità gourmet… tutte cose che ci fanno pentire di non poter rimanere di più. Dopo la cena si tenta di guardare la Moto GP ma l’unico a vedere la partenza sarà l’anziano dall’alto della sua esperienza, il Maroz ed il sottoscritto scopriranno il risultato solamente la mattina del 24! 😆

    (Fine prima parte)

    Il Nuraghe

    Arrivo ad Alghero

    Annunci

    Un pensiero su “4050 parte 1… finalmente si parte!

    Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

    Google photo

    Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

    Connessione a %s...