#stateacasa

Oggi é stato il mio primo giorno di zona rossa. Stranamente mi ero già preso un giorno di ferie per riposare e così la situazione é diventata un po’più surreale, soprattutto considerando che oggi mi ha chiamato Marcello avvisando che la moto é pronta e posso andarla a ritirare.

Questo blog di moto e giretti é da un po’che é fermo ma l’Anziano ed io siamo molto preoccupati soprattutto per i nostri cari più anziani ed oggi ci sentiamo di dire a tutti #stateacasa.

Uscire per un aperitivo, un caffè al bar o per prendere il giornale possono costarci molto cari, abbiamo veramente bisogno di disgrazie?

Per chi ancora non lo sapesse, i posti letto scarseggiano negli ospedali e le terapie intensive, quando vanno a dare le priorità, ragionano con l’età del paziente. A me sinceramente non dispiacerebbe lasciare il posto ad un bimbo, ma darebbe fastidio doverlo lasciare ad uno di quei ragazzi che sabato sera erano in piazza a fare aperitivo in barba a tutte le prescrizioni, per farsi vedere spavaldi e senza paura.

Ce lo dicono anche i nostri piloti di fare attenzione e loro sono gente abituata a vivere il presente ed ignorare la paura…e allora perché non ascoltare?

La stagione della moto quando riaprirà sarà la migliore di sempre promesso, perché la vedremo con occhi diversi… e allora buon divano a tutti!

Inizio stagione alla Rossi

Con un po’di ritardo rispetto agli altri anni (essenzialmente perché stiamo invecchiando) abbiamo finalmente dato il via alla stagione 2016 di C&R.
Quest’anno, forse perché vogliamo sentirci ragazzini o perché anche lui inizia ad avere una certa età, abbiamo inaugurato l’asfalto con il Rossi tour: ovvero quelle strade che il campione ha battezzato come le più belle del mondo da percorrere in moto. Personalmente credo che abbiamo visto di meglio nella nostra, seppur breve, storia di moto turisti, mi vengono in mente su tutte le nostre esperienze in Toscana e Sardegna, ma probabilmente anche il campione, come noi, ha nel cuore le stesse strade su cui faceva le scorribande da ragazzino come le più belle al mondo e a noi pensare che li VR46 ha posato le sue prime ruote piace e ci ha fatto venire voglia di ripercorrerle.
Il punto di ritrovo é per l’Anziano e me a Jolanda mentre con un Maroz visibilmente in affanno ed in ritardo é a Casalborsetti.

image

Prima sosta al distributore


Ci si avvia verso la prima tappa che é il circuito Marco Simoncelli di Misano. Lungo la strada le molte frecce indicanti Coriano, ovvero la casa del Sic, mi lasciano un po’spiazzato: sarebbe una deviazione veramente veloce ma tra la pioggia fine ed il traffico siamo già in ritardo e purtroppo dobbiamo rinunciate.
Arriviamo al circuito per scoprire che non é il Mugello (dove un giro a curiosare non si nega a nessuno ;)), quindi foto e via verso il pranzo a Tavullia.
image

L'entrata al circuito


image

I nostri eroi davanti al parcheggio, qualcuno ha commentato: la nutria, il vecchio e l'alieno! 😂


Arriviamo a Tavullia alle 13 attraverso le colline posando davanti alla sede della VR46 e si va a pranzo da Rossi, il luogo é carino ed é un vero tempio al 9 volte Campione del Mondo: bar, ristorante, fan club, merchandising, cimeli e foto ovunque.
image

Arrivati!


image

Alzi la mano chi vorrebbe un quadro così in casa


Due tagliate e un piatto di gnocchi dopo ripartiamo verso Pesaro dove possiamo imboccare la panoramica che ci porterà a Gabicce Mare ma prima le foto di rito davanti al ranch.
image
image
image
La panoramica é molto carina ma purtroppo la foschia non ci fa godere il panorama, l’asfalto ha visto tempi migliori e oltretutto é bagnato pertanto la percorriamo velocemente senza nemmeno troppo entusiasmo.
Lo scopo del viaggio é giunto al termine e anche noi siamo soddisfatti della nostra prima giornata insieme ora non ci resta che fare altri piani, altri itinerari e altre giornate in giro sulle nostre amiche a due ruote.
Si parte, buona strada!
image

Statistiche


image

Itinerario


Ed ecco a voi anche il video preparato sempre dal nostro anziano tecnologico:

Video da Rossi